Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_bucarest

DiconoDiNoi2010

 

DiconoDiNoi2010

 

Grande Musica e Gastronomia Lombarda a sostegno della Fondazione Padri Somaschi di Targoviste nella Residenza d’Italia

Articolo Il Giornale del 14-12-2010  Il Giornale del 14/12/2010

Articolo LA PROVINCIA di COMO del 14-12-2010  La Provincia di Como del 14/12/2010


Cena Beneficenza ArticoloIl Punto Stampa di Lecco del 23/12/2010


SERGIO ROMANO E ANDREA PINKETTS A FIERA LIBRO BUCAREST

(ANSA) - BUCAREST, 22 NOV - Incontri del pubblico romeno con lo storico ed editorialista Sergio Romano e con lo scrittore Andrea Pinketts hanno dominato la presenza italiana alla XVII edizione della Fiera internazionale del libro Gaudeamus, il più grande evento del genere in Romania. Alla fiera, organizzata da Radio Romania dal 18 al 22 novembre, l'Ambasciata d'Italia e l'Istituto italiano di cultura hanno promosso l'offerta di 12 editrici italiane e numerosi dibattiti dedicati alle relazioni culturali tra i due Paesi. "Abbiamo raggiunto l'obiettivo principale, quello di dare visibilità alla cultura e all'editoria italiana", ha detto all'ANSA l'ambasciatore Mario Cospito. Alla luce del grande interesse dei visitatori, "contiamo di ripetere questa partecipazione, semmai con una visibilità ancora maggiore", ha aggiunto il diplomatico, augurando che l'Italia sia ospite d'onore alla fiera nel 2011. Quest'anno ospite d'onore è stato il Belgio. Presente alla fiera, il presidente dell'Associazione Italiana Editori, Marco Polillo, ha espresso da parte sua la disponibilità per una presenza più forte dei libri della Penisola a Bucarest nel 2011.


FINI IN VISITA A BUCAREST

(ANSA) - ROMA, 9 NOV - Il presidente della Camera, Gianfranco Fini, e' arrivato a Bucarest in Romania per una visita ufficiale nel corso della quale incontrera' le massime cariche dello Stato. Fini, inoltre, sara' insignito della laurea honoris causa dall'universita' di Bucarest per il suo impegno nella ''costruzione di una societa' europea aperta, solidale e dinamica''. La fitta agenda della Terza Carica dello Stato prevede un incontro con la folta comunita' imprenditoriale italiana e romena e con la collettivita' italiana nel paese balcanico. (ANSA).

SICUREZZA:FINI,LOTTA A CRIMINALITA' SOLO CON INTEGRAZIONE
DOMANDA SICUREZZA STRUMENTALIZZATA PER TRARRE VANTAGGIO

(ANSA) - BUCAREST, 9 NOV - ''Non puo' esservi un'efficace lotta alla criminalita' in assenza di uno stretto coordinamento e di uno scambio di informazioni tra competenti e amministrazioni, ovvero senza interventi che mirino a ridurre l'area dell'emarginazione e del degrado attraverso politiche attive per l'integrazione''. Lo afferma il presidente della Camera, Gianfranco Fini, nel suo intervento all'universita' di Bucarest dove gli e' stata conferita la Laurea honoris causa per il suo impegno di integrazione in Europa, nel corso del quale ha affrontato i temi della sicurezza e delle politiche migratorie. ''Troppo spesso - aggiunge Fini - le autorita' politiche oscillano tra la tendenza ad alimentare l'illusione che tutti i problemi possano essere fronteggiati attraverso risposte che rappresentano dei veri e propri 'slogan' e la tendenza a cadere in una sorta di fatalismo che induce a ritenere che nulla si possa fare per la concomitanza di troppe cause esterne''. La terza carica dello Stato mette in guardia dal rischio di ''enfatizzare e strumentalizzare paure e insicurezze sociali per imporre vincoli alle liberta', secondo un criterio che negherebbe l'opportuno e ragionevole bilanciamento tra il rispetto dei diritti fondamentali e la necessaria protezione da assicurare all'ordinamento democratico''. Per questo ''sicurezza e inclusione sociale vanno affrontati insieme nelle diverse misure devono procedere in parallelo''. ''E' per altro innegabile - spiega Fini nella sua lectio magistralis - che la crescita esponenziale della domanda di sicurezza e' talora strumentalmente innescata da chi ritiene di poter trarre vantaggio da una mobilitazione di tipo emotivo dell'opinione pubblica''. Fini sottolinea il valore della politica di cooperazione dell'Unione Europea e la valorizzazione delle organizzazioni rappresentative della societa' civile, ovvero delle Ong: ''in questa prospettiva - spiega - assumono particolare rilievo le iniziative finalizzate a semplificare e ad armonizzare le procedure per la concessione del diritto di asilo e il contrasto al traffico di immigrati irregolari, controllato da organizzazioni criminali particolarmente violente''. (ANSA).

FINI, RIDURRE SPESE SENZA DEPRIMERE ECONOMIA

(ANSA) - BUCAREST, 9 NOV - ''Condividiamo la necessita' di tenere i conti pubblici sotto controllo e di ridurre le spese ma senza deprimere l'economia''. Lo afferma il presidente della Camera, Gianfranco Fini, al termine dell'incontro con la presidente della Camera romena Roberta Anastase. (ANSA).

UE:FINI,OBIETTIVO INGRESSO ROMANIA IN SCHENGEN SIA RAGGIUNTO

(ANSA) - BUCAREST, 9 NOV - ''Occorre far capire che il traguardo del 2011 per l'ingresso della Romania in Schengen deve essere raggiunto. Sbagliano gli amici europei che dicono che non si sentono tranquilli perche' non sanno che quelli piu' preoccupati nel garantire la sicurezza delle frontiere romene sono proprio i romeni''. Lo afferma il presidente della Camera, Gianfranco Fini, al termine del suo incontro con la sua omologa romena, Roberta Anastase, a Bucarest nel corso del quale ha auspicato che il Paese baltico possa aderire al Trattato di libera circolazione di uomini e merci nel marzo 2011.(ANSA).

ANSA-FOCUS/FINI,ROMANIA PRONTA SCHENGEN; EUROPA NON ABBIA PAURA
SOLO CON INTEGRAZIONE SI COMBATTE CRIMINE; INCONTRO CON BASESCU

(dall'inviato Teodoro Fulgione) (ANSA) - BUCAREST, 9 NOV - La Romania e' pronta ad entrare nell'area Schengen e ''l'Italia non si opporra' ''. Gianfranco Fini da Bucarest, dove come presidente della Camera incontra le quattro massime cariche dello Stato romeno, rilancia le relazioni diplomatiche tra i due Stati ed invita gli ''amici europei a non avere paura'' per l'adesione della Romania al trattato di libera circolazione. All'area Schengen aderiscono 28 Paesi europei ma proprio Bucarest e' ancora alla finestra in compagnia della Bulgaria e di Cipro, in attesa di un via libera definitivo. Sull'ingresso del Paese balcanico pesano i dubbi sul grado di efficienza nel controllo delle frontiere, cosi' come sulle questioni della sicurezza e dell'integrazione: due temi che Fini affronta nei suoi incontri con i due presidenti di Camera e Senato, Roberta Anastase e Mircea Geoana, con il primo ministro Emil Boc ed il presidente Traian Basescu. Secondo la terza carica dello Stato italiano, ''occorre far capire che il traguardo del 2011 per l'ingresso della Romania in Schengen deve essere raggiunto'': ''Sbagliano gli amici europei che dicono - spiega dopo aver incontrato la sua omologa Anastase - che non si sentono tranquilli. Non sanno che quelli piu' preoccupati nel garantire la sicurezza delle frontiere romene sono proprio i romeni''. ''Credo di dire cose condivise dal governo italiano - dice - quando affermo che l'Italia non si opporra' ''. Fini fa anche riferimento anche ad alcune polemiche riportate dai media romeni sui rapporti tra Italia e Romania: ''Il ministro Maroni ha un ottimo rapporto con il suo omologo - sottolinea - e conosce l'impegno delle forze di sicurezza romene''. Un appello lo rivolge pero' anche alle istituzioni rumene: ''Dovete far capire in tutti i modi ai partner europei - conclude - che i piu' preoccupati per il controllo delle frontiere siete voi''. Il presidente della Camera tiene anche una 'lectio magistralis' all'universita' di Bucarest dove gli viene conferita la Laurea honoris causa per il suo impegno di integrazione in Europa. Non a caso, affronta i temi della sicurezza e delle politiche migratorie: ''Non puo' esservi - spiega - un'efficace lotta alla criminalita' in assenza di uno stretto coordinamento e di uno scambio di informazioni tra competenti e amministrazioni, ovvero senza interventi che mirino a ridurre l'area dell'emarginazione e del degrado attraverso politiche attive per l'integrazione'' Proprio su questi temi i rapporti tra Roma e Bucarest a volte sono stati tesi. Ma ''sicurezza e inclusione sociale - ammonisce Fini - vanno affrontati insieme nelle diverse misure e devono procedere in parallelo''. Il presidente della Camera mette in guardia dal pericolo che ''la domanda di sicurezza sia talora strumentalmente innescata da chi ritiene di poter trarre vantaggio da una mobilitazione di tipo emotivo dell'opinione pubblica''. Un riferimento, che ripropone nell'incontro con la comunita' italiana presso la Residenza d'Italia a Bucarest, anche a ''quei momenti di incomprensione e allarme legati a rari casi di cronaca recente e che sono eccezioni statisticamente possibili rispetto ad un milione di cittadini romeni presenti in Italia''. Agli imprenditori italiani, Fini riferisce di aver affrontato ''nel corso del colloquio con il presidente Basescu la questione dei rimborsi dei crediti delle aziende italiane'': ''Basescu - rimarca - ha detto che c'e' consapevolezza della necessita' di individuare tra le priorita' una soluzione che permetta alle imprese di continua a lavorare ed investire nel Paese''. Parole accolte con soddisfazione dai presenti. ''Il sistema Paese - conclude Fini prima di congedarsi e fare rientro in Italia - ha forti potenzialita'. Abbiamo una diplomazia di altissimo livello e, concedetemi il termine ora di moda, molto competitiva. Quello tra Italia e Romania e' un rapporto privilegiato''. (ANSA)


Romania: Settimana Lingua Italiana, chiude con Bennato

(ANSA) - BUCAREST, 22 OTT - Un concerto del cantautore Edoardo Bennato ha concluso ieri sera a Bucarest gli eventi dedicati alla X Settimana della lingua italiana in Romania. Bennato ha avuto ieri anche un incontro con i giovani romeni che studiano l'italiano all'Universita' di Bucarest. La Settimana della lingua italiana ha incluso eventi in piu' citta' romene, ha detto all'ANSA l'ambasciatore Mario Cospito, esprimendo soddisfazione per le iniziative. Tra l'altro, l'Istituto italiano di cultura di Bucarest (Iic) ha ospitato la mostra 'Parole e luoghi di transito: l'Italia delle culture migranti', a cura della Societa' Geografica Italiana. E' stato inoltre proiettato il film 'Sotto il Celio Azzurro' di Edoardo Winspeare, mentre l'Universita' di Craiova (sud), col patrocinio dell'Ambasciata d'Italia, dell'Iic, della Societa' Dante Alighieri e del Viceconsolato italiano onorario a Craiova, ha organizzato il convegno internazionale 'La lingua e la letteratura italiana in Europa'. Eventi culturali sono stati organizzati anche a Cluj-Napoca e Timisoara (ovest).


Il gruppo Natuzzi dona nuove attrezzature all’Ospedale “Costantin Opris” di Baia Mare.  

BUCAREST, 12 SET - L’Ambasciatore d’Italia, Mario Cospito, esprime soddisfazione al gruppo Natuzzi per aver donato delle nuove attrezzature all’Ospedale “Costantin Opris” di Baia Mare. Con tale donazione, il gruppo Natuzzi conferma la sua qualita’ d’impresa seria e affidabile che, da anni, garantisce il lavoro a numerosi cittadini della zona di Baia Mare, contribuendo altresi alla loro crescita professionale. L’Ambasciatore Cospito si rallegra in particolare di come la donazione della Natuzzi sia destinata ad avere un seguito anche nel prossimo futuro, consentendo la nascita di un vero e proprio progetto di solidarieta’ i cui benefici andranno interamente a favore della popolazione locale. Quello della Natuzzi costituisce un chiaro esempio di come l’imprenditoria italiana operante in Romania sia molto attenta alle esigenze della societa’ locale e sia disposta ad offrire il proprio aiuto per migliorare la qualita’ di vita delle persone e per favorire la crescita di questo Paese.

 

Natuzzi Articolo Informatia Zilei




 

Rassegna stampa

Articolo Graiul

Articolo Informatia Zilei


















Italia-Romania:mostra caffe'apre settimana italia a Bucarest

(ANSA) - BUCAREST, 28 MAG - Una mostra dedicata al caffe' italiano apre oggi la Settimana Italiana al Museo del Villaggio di Bucarest, alla presenza dell'ambasciatore Mario Cospito e del segretario generale del Ministero della cultura romeno, Mircea Cristian Staicu. La mostra ''Espresso Italiano. Il caffe' italiano: rituale, storia e cultura'', rientra nel Festival italiano 2010, organizzato dall'Ambasciata d'Italia, l'Ice e l' Istituto italiano di cultura. Della rassegna fanno parte anche lo spettacolo ''Bella e' Italia'', dedicato, tramite l'associazione Roasit, dalla comunita' storica italiana di Romania alla Festa nazionale e al 150/mo anniversario dall'Unita' d'Italia. Fino al 3 giugno, la Settimana Italiana propone spettacoli, film e altri eventi culturali ed enogastronomici. Inoltre, su iniziativa dell'Ice, 21 ristoranti di cucina italiana nella capitale offriranno per dei menu' a prezzi promozionali, come sottolineato dal direttore Mario Iaccarino. (ANSA).

 

 




Immagine articolo Jurnalul National

Presentazione del progetto "Cresciamo Insieme": rassegna stampa

Articolo Jurnalul National

Articolo Actualitate National

 

 












 

Viaggio Ambasciatore a Petrosani, concerto a Casa Pollicino

 

 

 

AMBASCIATA ITALIA OSPITA PRODOTTI NATURALI ITALIANI

(ANSA) - BUCAREST, 25 MAR - Presentazione ieri sera all' Ambasciata d'Italia a Bucarest di prodotti cosmetici naturali italiano in vendita in una nota catena di farmacie di Romania. ''Apriamo ancora una volta la residenza a tutto cio' che e' il Made in Italy, non solo quello grande che tutti conoscono, dalla Ferrari all'Eni, Finmeccanica, Enel o Fiat, ma anche alla piccola e media impresa italiana, che vuole farsi apprezzare sul mercato romeno'', ha spiegato l'ambasciatore Mario Cospito. ''In Romania, dove sono stati accolti molto bene, i prodotti sono disponibili da settembre 2009'', ha detto all'ANSA la manager per la Romania del noto marchio italiano, Luiza Stoican, spiegando che si tratta di prodotti che vanno dalla cura del viso fino al sapone e profumo, per uomini e per donne. (ANSA).

 

 

 

 

link intervista adevarul (pdf)


 

    16 marzo 2010
      Intervista Adevarul S.E. Mario Cospito 

 














 

immagine dell'articolo

 


132