Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_bucarest

Attualità

 

Attualità

 

SITUAZIONE POLITICA IN ROMANIA


                                              Cenni di attualità


Presidente: Klaus Iohannis, in carica dal 21 dicembre 2014, per un mandato di cinque anni.

Composizione del Governo:

  1. Viorica Dăncilă, Primo Ministro
  2. Viorel Ştefan, Vice Primo Ministro
  3. Graţiela Gavrilescu, Vice Primo Ministro e Ministro dell’Ambiente
  4. Ana Birchall, Vice Primo Ministro per l’Attuazione dei Partenariati Internazionali
  5. Paul Stănescu, Vice Primo Ministro e Ministro dello Sviluppo
  6. Valentin Popa, Ministro dell’Istruzione
  7. Nicolae Burnete, Ministro della Ricerca
  8. Anton Anton, Ministro dell’Energia
  9. Teodor Meleşcanu, Ministro degli Affari Esteri
  10. Rovana Plumb- Ministro dei Fondi Europei
  11. Viorel Ilie, Ministro per i Rapporti con il Parlamento
  12. Eugen Orlando Teodorovici, Ministro delle Finanze
  13. George Ivaşcu, Ministro della Cultura
  14. Sorina Pintea, Ministro della Salute
  15. Dănuţ Andruşca, Ministro dell’Economia
  16. Ştefan Radu Oprea, Ministro per l’Ambiente degli Affari, Commercio e Imprenditoria
  17. Lucian Şova, Ministro dei Trasporti
  18. Carmen Dan, Ministro degli Affari Interni
  19. Mihai Fifor, Ministro della Difesa
  20. Tudorel Toader, Ministro della Giustizia
  21. Petre Daea, Ministro dell’Agricoltura
  22. Lia Olguţa Vasilescu, Ministro del Lavoro
  23. Bogdan Cojocaru, Ministro delle Comunicazioni
  24. Ioana Bran, Ministro della Gioventù e dello Sport
  25. Bogdan Trif, Ministro del Turismo
  26. Ioan Deneş, Ministro delle Acque e delle Foreste
  27. Natalia Intotero, Ministro dei Romeni all’Estero
  28. Victor Negrescu, Ministro per gli Affari Europei

 Politica Estera


I due pilastri fondamentali della politica estera romena sono l’appartenenza all’Alleanza Atlantica (dal 2004) e l’adesione all’Unione Europea, avvenuta il 1° gennaio 2007.

La recente crisi in Ucraina ha portato di nuovo alla ribalta l'importanza regionale del ruolo della Romania, che rappresenta il confine a est sia dell'UE sia dell’Alleanza atlantica.

Sul fronte della NATO, Bucarest ha accolto con soddisfazione gli esiti del Vertice di Celtic Menor, in cui ha raggiunto importanti obiettivi. In tale contesto, si ricorda inoltre che la Romania è membro dei principali fori sub-regionali, quali l’Iniziativa Centro Europea (InCE), la “South-East European Cooperation Process” (SEECP), la “Black Sea Economic Cooperation” (BSEC), nonché il “Southeast European Law Enforcement Center (SELEC).

Relazioni con l’Unione Europea


La Romania (insieme alla Bulgaria) è divenuta membro dell’Unione Europea il 1° gennaio 2007. Da allora, come ogni stato della UE, ha l’opportunità di beneficiare dei finanziamenti concessi nell’ambito dei fondi strutturali che sono un fattore determinante per lo sviluppo infrastrutturale ed economico del Paese. Il budget previsto per il periodo 2014 - 2020 ammonta a circa 39.88 miliardi di euro (di cui circa 22 miliardi sono per i fondi strutturali, 8 per lo sviluppo rurale e il restante sovvenzioni all’agricoltura), in aumento del 18% rispetto ai fondi stanziati per il periodo 2007 - 2013. Ad agosto 2014, la Commissione Europea ha convalidato l’Accordo di partenariato 2014 - 2020 con la Romania e il documento che delinea come verranno utilizzati i fondi strutturali europei e gli investimenti nel medesimo periodo.Il Paese, che non fa ancora parte dell'area Schengen, resta soggetto al Meccanismo di Cooperazione e Verifica, in particolare nel settore del processo di adeguamento agli standard europei in materia di giustizia ed affari interni.

Rapporti politici bilaterali


Le relazioni tra Italia e Romania sono caratterizzate da grande intensità, sia sul piano del dialogo politico che per quanto riguarda la collaborazione economico-commerciale e si sviluppano nell’ambito della Dichiarazione di Partenariato Strategico Rafforzato, firmata dai rispettivi ministri degli esteri il 9 gennaio 2008 a Bucarest. Di seguito una sintesi delle principali fasi del dialogo politico negli ultimi anni.

Dopo il primo Vertice inter-governativo tenutosi il 9 ottobre 2008, l’anno 2010 ha confermato l’ottimo rapporto sancito tra i due Stati aggiungendo al tradizionale elenco degli incontri bilaterali ad alto livello altri eventi di notevole rilievo: ad aprile hanno avuto luogo a Roma le visite del Presidente del Senato Geoana e del Ministro degli Esteri Baconschi. A Bucarest si e’ svolta in giugno la visita del Sindaco di Roma Alemanno e in novembre del Presidente della Camera Fini.


Il Secondo Vertice Inter-Governativo si è tenuto a Bucarest il 30 e 31 maggio 2011. Si e' svolta poi la visita di Stato in Romania del Signor Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano (15-16 settembre 2011). Nel corso della visita, il Presidente ha avuto colloqui con le massime Autorità dello Stato romeno, ha incontrato esponenti della Comunità italiana e del mondo imprenditoriale italiano nonché i membri delle Istituzioni italiane che operano in Romania.

Dopo una breve pausa dovuta a fattori interni in entrambi i paesi, dal 2013 si è riavviato il tradizionale, fitto scambio di incontri politici ad alto livello, che hanno portato un ulteriore rafforzamento dei rapporti bilaterali. Le visite a Bucarest del Vice Ministro degli Esteri, Marta Dassu’ (17/18 ottobre) e del Presidente del Senato, Pietro Grasso (2-3 dicembre) hanno dato il via ad una lunga serie di altri incontri bilaterali di notevole importanza svoltisi nel 2014.

Più in particolare, a gennaio 2014, hanno effettuano visite ufficiali a Roma il Ministro degli Affari Esteri di Romania, Titus Corlatean (il quale ha incontrato il Ministro Emma Bonino e il Presidente del Consiglio, Enrico Letta) e il Ministro dell’Economia, Andrei Dominic Gherea, che ha avuto un colloquio bilaterale con il Ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato. Tali visite hanno preparato al meglio l'incontro che hanno avuto a Roma (il 28 febbraio 2014) il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi e il Primo Ministro di Romania, Victor Ponta. I due premier hanno discusso aspetti riguardanti il dialogo politico ed economico tra i due Paesi, legati da un Partenariato Strategico Rafforzato. Sempre a Roma si sono svolte anche le visite del Presidente della Camera dei Deputati, Valeriu Zgonea, in occasione della Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti UE (13/14 marzo) e del Ministro della Giustizia, Robert Cazanciuc (15-16 maggio).

Relativamente alle visite istituzionali in Romania, nel 2014 hanno visitato Bucarest il Presidente del Consiglio Matteo Renzi (13 novembre), il Ministro degli Esteri Federica Mogherini (28 maggio 2014), il Vice Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Sen. Andrea Olivero (2-3 aprile), il Presidente della Commissione Affari Esteri del Senato Pier Ferdinando Casini (17-18 giugno) ed il Capo della Polizia Alessandro Pansa (21 gennaio).

Nel 2015 il Presidente di Romania, Klaus Iohannis ha visitato per due volte l’Italia. Nel corso della prima visita, che ha avuto luogo a Roma dal 27 al 28 aprile il Presidente Iohannis ha incontrato il Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella e il Primo Ministro Matteo Renzi. Nell’ambito della seconda visita, svoltasi il 14 – 15 maggio, il Presidente Iohannis ha avuto un incontro con la Sua Santità Papa Francesco e ha visitato il Padiglione della Romania all’Esposizione Universale EXPO Milano 2015.

L’8/9 luglio il Ministro degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, On. Paolo Gentiloni ha visitato Bucarest. Nel corso della missione, il Ministro Gentiloni ha aperto i lavori della Conferenza dell’ANCE a Bucarest ed ha incontrato le massime Autorità romene (il Presidente Iohannis, il Primo Ministro Victor Ponta, l’omologo Bogdan Aurescu, il Ministro delle Finanze Teodorovici e il Ministro dell’Economia Mihai Tudose), oltre agli imprenditori ed agli attori del Sistema Italia.

Il  15 – 16 ottobre ha effettuato una missione a Bucarest il Sottosegretario agli Esteri Sen. Benedetto Della Vedova. Nel corso della visita, il Sen. Della Vedova ha incontrato il Primo Ministro, il Presidente della Camera, il Ministro degli Esteri, il Ministro delle Finanze e il Sottosegretario agli Esteri per gli affari strategici, oltre ad un gruppo selezionato di imprenditori. Egli ha inoltre partecipato al Bucharest Forum, organizzato dall’Istituto Aspen Romania, e visitato il cantiere di Astaldi per la costruzione di una nuova linea della metropolitana di Bucarest. 
 


55